King’s Day!

L’Olanda è un paese molto attaccato alla famiglia Reale e alla sua storia. Il 27 aprile di ogni anno viene festeggiato il Koningsdag, detto anche King’s Day, ovvero il Giorno del Re. Anche in questo caso, sono dovuta tornare in territorio olandese dopo il mio Erasmus. Che dispiacere!

Ho preso due piccioni con una fava in realtà: ho partecipato al King’s day e sono andata a visitare  Parco di Keukenhof.

Prima però, spiego un po’ cosa e perché, giusto per darvi un’idea. Sin dal 1885 il Giorno dei Re era in realtà il Giorno della Principessa; l’Olanda ha una storia alle spalle di sole regine che con la forza e il coraggio di cui le donne sono in possesso, hanno reso l’Olanda orgogliosa durante tutta la sua esistenza FINO A CHE la regina Beatrice #CuoreDiMamma, nel 2013, abdica per lasciare il trono al figlio chiaramente di nome Guglielmo. Da quel momento si celebra il King’s Day e non più il Queen’s Day, festa nazionale, molto sentita dagli IMG_1983
olandesi e che attrae milioni di visitatori da tutto il mondo. Nei Paesi Bassi è proibito per legge consumare alcolici per strada TRANNE durante il King’s Day, nel quale non sono necessarie autorizzazioni per vendere merci (ergo le strade pullulano di mercatini, food trucks e quant’altro) e in più i parcheggiare è gratis. Si usa festeggiare sin dalla notte del 26, solitamente facendo festa all’Aia chiamataKoningsnacht (Notte del Re), con feste da paura, dj da urlo e così via, mentre la giornata vera e propria del King’s Day la si celebra ad Amsterdam dove si da sfogo al Oranjegekteovvero

la F O L L I A   A R A N C I O N E. Olè.

È un vero e proprio fenomeno tradizionale, praticamente la città si colora di arancione, qualsiasi cosa è arancione, dagli addobbi al vestiario della gente. Durante il King’s Day è obbligatorio indossare qualcosa di arancione. Siccome a me l’arancione fa schifissimo, Mi sono limitata ad indossare una coroncina di piume arancioniFullSizeRender copia
e degli orecchini con piume pendenti dei colori della bandiera olandese. Abbastanza patriottica secondo voi? 

Ma perché proprio l’arancione? Ma ovvio! per rendere omaggio alla famiglia Reale di sempre: gli Orange.

Dopo aver passato la notte del 26 a ballare a Plein, una piazza di Den Haag, siamo passate per casa a dormire giusto quelle 4 ore necessarie per affrontare la giornata successiva ad Amsterdam. Sveglia ore 9, direzione K I N G’ S  D A Y! Treni stracolmi di gente arancione, strade strapiene di roba arancione, una roba da perderci gli occhi! Arrivate ad Amsterdam abbiamo cominciato a sbevacchiare qua e la, e passeggiando passeggiando ci ritroviamo nel bel mezzo di un mini festival improvvisato, un sacco di gente che ballava per strada, musica altissima che proveniva da ovunque. Una delle feste più divertenti di tutti i tempi!

C’eravamo prese tardi, ma per l’occasione vengono organizzati festival di musica enormi e pazzeschi, degni di Tomorrowland. Haha

Il King’s Day deve assolutamente essere aggiunto alla vostra Bucket List!

Un Bacione

Giulia

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *